Comune di Sulmona

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

COME SI CALCOLA L'IMU

Email Stampa PDF

calcolo imuIl calcolo della nuova imposta è simile a quello dell'ICI: gli elementi essenziali sono la rendita catastale, i moltiplicatori della rendita e le aliquote. Le rendite non sono state modificate dalle recenti novità legislative mentre sono cambiati i moltiplicatori e le aliquote.

 

CHI DEVE PAGARE

Soggetti passivi dell'IMU sono il proprietario di immobili, inclusi i terreni e le aree edificabili, a qualsiasi uso destinati, ovvero il titolare di diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie sugli stessi. Nel caso di concessione di aree demaniali, soggetto passivo è il concessionario. Per gli immobili, anche da costruire o in corso di costruzione, concessi in locazione finanziaria, soggetto passivo è il locatario a decorrere dalla data della stipula e per tutta la durata del contratto. Il coniuge superstite ed il coniuge separato assegnatario dell'abitazione pagano l'IMU sul 100% dell'abitazione in cui vivono, a prescindere dalle quote di proprietà.

 

QUAL E’ IL VALORE IMPONIBILE

Per i fabbricati il dato di partenza per il calcolo del tributo è la rendita catastale; le rendite non sono state modificate dalle recenti novità legislative.

La formula per il calcolo del valore imponibile è questa: IMPONIBILE = Rendita x 1,05 x Moltiplicatore.

I moltiplicatori, differenziati per tipologia dell'immobile, sono diversi rispetto a quelli previsti per l'ICI, e cliccando sul seguente link è disponibile un prospetto dei moltiplicatori IMU, distinti per categoria catastale del fabbricato.

Per i terreni il valore imponibile si calcola in questo modo: IMPONIBILE = Reddito Dominicale x 1,25 x Moltiplicatore.

Il moltiplicatore per i terreni è 135, ridotto a 110 se posseduti e condotti da coltivatori diretti ed imprenditori agricoli.

Per le aree edificabili il valore imponibile corrisponde al loro valore commerciale.

 

COME SI CALCOLA L’IMPOSTA

L'imposta dovuta si ottiene applicando al valore imponibile, determinato come sopra esposto, l'aliquota prevista. Per l'acconto (50% dell'imposta dovuta) si deve fare riferimento alle aliquote base previste dalla legge:

4 per mille per l'abitazione principale e le relative pertinenze (massimo un C6, un C2 ed un C7), interamente al Comune;

2 per mille per i fabbricati rurali strumentali, interamente al Comune;

7,6 per mille per le altre tipologie di immobili ( "seconde case", uffici, negozi, terreni, aree edificabili, ecc.), di cui il 3,8 per mille, pari al 50% allo Stato ed il resto al Comune.

Come per l'ICI l'imposta effettivamente dovuta va rapportata alla quota e al periodo di possesso nel corso dell'anno solare.

Si sottolinea che per abitazione principale si intende l'unica unità immobiliare dove il possessore ed il suo nucleo familiare hanno la residenza anagrafica e la dimora abituale; in questo caso la normativa prevede, oltre all’aliquota ridotta, anche una detrazione base dall'imposta pari a 200 euro ed un ulteriore detrazione di 50 euro per ogni figlio con età inferiore ai 26 anni che risieda anagraficamente e dimori abitualmente nella casa.

La detrazione per abitazione principale va rapportata al periodo dell'anno solare per la quale spetta; nel caso di più soggetti passivi cui spettasse la detrazione per lo stesso immobile, essa va divisa in ragione non delle quote di possesso dell'immobile, ma per destinazione d'uso; al momento del versamento dell'acconto si detrae il 50% del totale delle detrazioni spettanti.

 

COME E QUANDO SI PAGA

Il pagamento va effettuato con il modello F24 standard / modello F24 semplificato, utilizzando i codici tributo IMU. La scadenza della prima rata è il 16 giugno, quella della seconda rata il 16 dicembre. L’imposta dovuta per l’abitazione principale e le relative pertinenze può essere versata anche in 3 rate, rispettivamente entro il 16 giugno, il 16 settembre ed il 16 dicembre.

Cliccando sui seguenti  links, sono disponibili la Circolare Ministeriale n. 3/DF con chiarimenti sulla disciplina del nuovo tributo ed alcuni esempi di calcolo dell'IMU.

data ultima modifica Mercoledì 06 Giugno 2012 11:59  

PEC: protocollo@pec.comune.sulmona.aq.it


Comune di Sulmona - Via Mazara,21 Sulmona 67039 (AQ) | centralino 0864/2421 | P.I. 00181820663